Pianificazione Strategica: il primo passo per un Fundraising di successo

5 buoni motivi per non rinunciarvi

Per una organizzazione non profit la decisione di iniziare a fare fundraising in modo strutturato può essere l’occasione giusta per iniziare a pianificare in modo strategico.  Ma, siamo onesti… dedicare tempo alla pianificazione strategica viene a spesso visto dalle organizzazioni non profit come un lusso che non ci si può permettere, un esercizio di poco conto o una perdita di tempo! Niente di più falso: ecco alcuni buoni motivi per cambiare idea!

Dedicare tempo e risorse per pianificare in modo strategico contribuirà a:

  1. definire i programmi e le attività, anche in un contesto che cambia di continuo;
  2. decidere come relazionarsi con il territorio e con i diversi stakeholder;
  3. capire come coinvolgere i nostri sostenitori, reali e potenziali.

Inoltre, quello dedicato alla pianificazione strategica è il momento ideale per verificare:

  • come massimizzare l’impatto che si vuole generare attraverso le proprie attività;
  • se davvero stiamo lavorando nel modo giusto;
  • e, soprattutto, se veramente stiamo facendo tutto il possibile per realizzare quella che è la nostra mission.

 

  1. Mission, identità e valori: ripartiamo da qui!

Ebbene sì, lavorare al piano strategico ci darà l’occasione di rimettere a fuoco identità e valori che sono alla base dell’operare della nostra organizzazione, di verificare se progetti e attività che abbiamo in essere o che sono pronti a partire sono coerenti con quella che è la mission dell’organizzazione.

Sia che siamo un’organizzazione giovane, sia una che opera da 50 anni, una revisione della mission e una condivisione aperta di quest’ultima può essere un’occasione straordinaria per rendersi conto del livello di consapevolezza e condivisione interna del motivo che è alla base dell’esistenza stessa della nostra organizzazione non profit.

Un “momento maieutico” dedicato all’analisi della nostra identità, che ci consente di verificare come siamo percepiti e conosciuti all’esterno, permettendoci di misurare in modo critico di quale credibilità gode la nostra organizzazione all’interno della comunità o del territorio in cui operiamo e qual è ad oggi il livello di notorietà della nostra organizzazione tra pubblici diversi.

 

  1. Stop al gioco della mosca cieca! Impariamo a conoscere il contesto in cui operiamo e gli attori con cui avremo a che fare

Una volta compiuta questa prima ma fondamentale tappa, è importante fare un’analisi del contesto in cui ci muoviamo: anche esso cambia in fretta e magari tanti elementi sono mutati dall’ultima volta che ci siamo presi del tempo per fare questa fotografia.

Insieme al contesto è opportuno aggiornare di tanto in tanto quella che in gergo viene spesso chiamata la “mappa degli stakeholder”, ovvero la mappa di tutti quei soggetti che con il loro comportamento possono influenzare la nostra organizzazione: un ottimo esercizio da fare a gruppi anche coinvolgendo staff, governance e – perché no? – i volontari della nostra organizzazione.

Individuare gli stakeholder, definirli, posizionarli all’interno di una mappa ci aiuterà a mettere a fuoco eventuali cambiamenti o criticità da risolvere, così come le opportunità che magari non stiamo valorizzando a pieno e che invece potrebbero contribuire ad avvicinare nuovi sostenitori della nostra causa e dei nostri progetti.

 

  1. Capitale relazionale e competitor? Il segreto è conoscerli a fondo!

Una buona mappatura degli stakeholder renderà più agile anche il lavoro di definizione del capitale relazionale, ovvero di tutte le relazioni di cui l’organizzazione dispone e di cui dispongono le persone che sono all’interno della nostra organizzazione: da qui emergeranno al momento opportuno contatti da attivare o riattivare, possibili sostenitori da coinvolgere su singoli progetti, grandi o piccoli donatori in grado di attivarsi mettendo a disposizione risorse sia economiche, sia materiali sia professionali a secondo di quella che sarà la nostra esigenza o la nostra richiesta.

Un’ultima nota: tra gli stakeholder è fondamentale anche prendere in considerazione i nostri competitor, quelli più vicini per territorio o per tipologia di attività, dai quali possiamo sicuramente sempre imparare e con i quali è fondamentale confrontarsi continuamente nel corso della vita della organizzazione non profit.

 

  1. La pianificazione strategica: non un gioco, ma un processo di crescita

Fatta questa serie di valutazioni di partenza, a questo punto avremo sufficienti elementi per iniziare a leggere in maniera critica anche la nostra attività quotidiana e per iniziare a ragionare sul senso di una pianificazione strategica.

Un buon piano strategico infatti:

  • ci aiuta a mettere a fuoco le priorità, definendo obiettivi strategici e operativi che vogliamo raggiungere, aumentando la possibilità che le nostre attività quotidiane ci facciano raggiungere effettivamente gli obiettivi prefissati;
  • ci dà l’occasione per individuare step e strumenti per monitorare e valutare l’andamento delle varie azioni poste in essere;
  • ci costringe a definire come allocare di conseguenza le risorse necessarie a raggiungere gli obiettivi dati, con precise tempistiche e un budget, meglio se del tipo “programma per programma” che tenda conto anche dei dati relativi al fundraising e alla comunicazione.

 

  1. Fundraising e Comunicazione: ad ognuno il suo ruolo (e il suo budget!)

A livello organizzativo disporre di una pianificazione strategica a medio o lungo termine ci permetterà di mettere a fuoco se davvero disponiamo delle risorse umane e delle professionalità necessarie per dare buona base al nostro lavoro presente e futuro.

 

Riorganizzare le nostre attività collegandole a obiettivi strategici e operativi che discendono dalla mission, sarà di stimolo per pianificare anche l’attività di fundraising, individuando precisi obiettivi di raccolta fondi da raggiungere e mettendo a fuoco quello che deve essere un budget adeguato per poter sviluppare il programma di fundraising stabilito.

In questo modo avremo tutti gli elementi per scegliere nel modo più opportuno gli strumenti di raccolta fondi più adeguati, assicurandoci di essere stati realmente in grado di “rendere facile il donare” aprendo tutti i canali di raccolta fondi a nostra disposizione e che rispondano alle esigenze dei donatori che intendiamo coinvolgere e a cui abbiamo scelto di dedicare tempo di qualità per conoscerne caratteristiche e aspettative.

Pianificare in modo strategico passo dopo passo permette inoltre di costruire una strategia di comunicazione a medio lungo termine, commisurata al budget che abbiamo a disposizione e coerente con quella che è la mission e il rapporto con i nostri stakeholder. Il dover pianificare a medio e lungo termine ci costringerà inoltre ad andare a caccia di dati a 360° su progetti, beneficiari, costi, impatti generati nel tempo, tutte informazioni fondamentali per coinvolgere le diverse tipologie di donatori e insostituibili per dare il via libera ad una comunicazione efficace, trasparente e coinvolgente.

Una nota finale, che sta in fondo ma non è meno importante:

la pianificazione strategica è un processo che va condiviso: serve alla governance per chiarire dove si vuole andare e come ci si vuole arrivare, ma serve soprattutto alle risorse interne dell’organizzazione per comprendere i passi che sta muovendo l’organizzazione non profit di cui sono parte.

Avere una strategia chiara – e condivisa – aiuterà tutti a lavorare meglio e sarà il miglior modo per riuscire a trasmettere al vostro staff, ai volontari e ai donor l’attrattiva della mission della vostra organizzazione.


Marianna Martinoni è docente del CORSO AVANZATO Il Piano Strategico per il Fundraising che si terrà a Forlì il 24 e 25 maggio 2018.

Vuoi saperne di più?

Ti aspettiamo al corso “Il Piano Strategico per il Fundraising”!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Inserisci il tuo indirizzo email e ti terremo aggiornato sui nostri corsi e sui nuovi post del blog.